domenica 25 settembre 2016

Antonella Cecchi Pandolfini, Undici haiku


I

Il vento soffia
pensieri e lacrime
lungo la riva

Kaze ga fuku
omoi to namida
kishibe de

II
Pioggia che scende
sul mio corpo inquieto
inosservato

Ame ga furi
watashi no ochitsuki no nai karada ni
kizukarenai

III
Solennemente
la pioggia mi risvegliò
pietre bagnate

Ogosoka ni
ame ga mezameta
nureta ishi

IV

I gelsomini
nelle tue mani tese
appassionate

Jasumin
anata no hirogeta te no naka
jounetsu-tekina




V
 
In lontananza
mutevoli al vento
fiori di pesco

Toku de
kaze no muki
momo no hana

VI

La salsedine
sul tuo corpo morbido
mani di seta

Shioaji
anata no yawarakana karada ni
kinu no te

VII 

Odor di pioggia
arrivava leggero
oltre la siepe

Ame no nioi
karuku tsuku
kakine no mukou

VIII

Non sembra vero
che il giorno è corto
lunga è la notte?

Honto no koto ni kikoenai
hi ga mijikai
yoru wa nagai no desuka

IX

Strana la notte
ritagli di nuvole
appesi lassù

Kimyona yoru
kumo no kirinuki
ano ue ni burasagatte iru


X

Cade l'autunno
intrecciar di piccioni
come un cerchio

Aki ga yatte kite
hato no enso
maru o egaite

XI

Gente che corre
temporale in vista
ritmo rapido

Hashitte iru hito
arashi ga yatte kuru
hayaku igoku